Università Cattolica del Sacro Cuore

Il Centro



Occorre sentire nuovamente che abbiamo bisogno gli uni degli altri,
che abbiamo una responsabilità verso gli altri e verso il mondo,
che vale la pena di essere buoni e onesti.

Papa Francesco, lettera enciclica Laudato Si’, par. 229
 

 

 


Il Centro di Ateneo per la Solidarietà Internazionale (CeSI) nasce nel 2006 per coordinare le attività di cooperazione e solidarietà internazionale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Agendo alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa, il CeSI si impegna a far sì che l’ingente patrimonio di saperi e competenze tecniche e scientifiche presente e coltivato all’interno della nostra Università venga messo al servizio delle popolazioni maggiormente bisognose, attraverso sia la ricerca scientifica sia la promozione e la partecipazione a progetti di cooperazione internazionale. Per raggiungere quest’impegnativo obbiettivo, il CeSI è attivo da anni nell’ambito degli interventi internazionali per lo sviluppo ed è presente in molteplici contesti culturali e geografici “di frontiera”. Nei luoghi in cui è presente, il Centro si adopera per diffondere la cultura e la pratica della solidarietà mediante la valorizzazione del patrimonio di conoscenze e di competenze dell’Università Cattolica.

Il CeSI, attraverso i progetti promossi e sostenuti negli anni, ha tradotto in concreto il principio della solidarietà, per esempio, portando aiuto alle mamme che partoriscono in un piccolo ospedale africano, insegnando alle ragazze afghane che seguono il corso di giornalismo a Herat, dando supporto psicologico ai bambini di Port-au-Prince dopo il devastante erremoto di Haiti, contribuendo a facilitare il reinserimento sociale degli ex carcerati in Camerun. Promuovere la solidarietà, tuttavia, significa anche educare ad essa coloro i quali hanno avuto la fortuna di nascere e crescere in condizioni privilegiate di benessere e capacità. Per questo, negli anni, il CeSI ha dedicato sempre maggiore impegno anche alla promozione di esperienze di volontariato nei Paesi del Sud del mondo. Tali esperienze hanno permesso a oltre 400 studenti e studentesse dell’Università Cattolica di toccare con mano, in più di 30 Paesi, le condizioni delle persone meno fortunate e di comprendere come le competenze professionali acquisite nelle aule e nei laboratori dell’Università possano essere spese a servizio del bene comune.

Per maggiori informazioni scarica il pieghevole e la brochure del CeSI.